gatto persianoIl gatto,elemento costante nella storia delle popolazioni a partire dal 3000 a.C., fonte di superstizioni e credenze,ha sempre destato fascino e ammirazione nell’uomo.

Ad oggi le razze riconosciute a livello mondiale dalle associazioni feline sono molto numerose ed in costante sviluppo, eppure solo una minima parte di queste viene riconosciuta da pedigree.
Il Persiano rientra nella categoria I- gatti di tipo e struttura persiana- che vi comprende anche gli EXO ossia gli Exotic.

Dolce e affettuoso, compagno ideale da compagnia, silenzioso, tontolone, ma nello stesso tempo una delle razze più pregiate e belle; il persiano è frutto di un lungo lavoro di selezione ad opera dell’uomo.
Partendo dai gatti d’Angora lunghi e slanciati; furono chiamati così i primi esemplari nel 1926 portati in Europa da Pietro della Valle; ed incrociando una specie di gatti provenienti dall’Iran di dimensioni più piccole, e con pelo lungo; si arrivò a gatti dal portamento aristocratico a pelo lungo, con un corpo tozzo e massiccio, zampe forti e muscolose, piedi arrotondati e larghi, muso schiacciato con naso infossato ed occhi tondi dalle numerose tonalità di colore.
Celebrati in Inghilterra, ebbero un grande successo nell’epoca vittoriana, la stessa Regina Vittoria nella sua residenza di Buckingham Palace possedeva due esemplari di Persiano Blu definito così per il colore del mantello.

Il pelo è lungo, morbido e fluente, l’Anfi associazione nazionale felina italiana, riconosce circa 200 varietà di colore; il mantello, seppur bello, giudicato nelle sue varianti di colore in numerose esposizioni di bellezza, necessita di una cura costante per evitare la formazione di nodi o palle di pelo che se ingerite possono provocare pericolose occlusioni intestinali;anche gli occhi richiedono una pulizia quotidiana con una garza sterile a causa della lacrimazione copiosa, questa razza infatti non è in grado, data la conformazione fisica del naso infossato,di scaricare il muco.
Capriccioso, ma nello stesso tempo di indole pacifica e tranquilla, il persiano proprio per la sua natura pigra richiede attenzioni verso l’alimentazione in quanto tende ad ingrassare facilmente, pur non essendo un grande divoratore di cibo come altre razze.

Una buona marca di cibo secco, oltre ad essere un cibo completo a livello nutrizionale, avendo una notevole varietà di gusti, è in grado di soddisfare anche il palato più esigente e consente di avere il cibo a portata di mano anche durante i viaggi. Cibi assolutamente vietati perché tossici per il persiano sono i dolci e la cioccolata.

Un persiano obeso può infatti soffrire di disturbi cardiaci.
Il persiano, a differenza di altre razze più precoci, raggiunge tardi la maturità sessuale; il maschio solitamente dopo l’ anno di vita e la femmina dopo il decimo mese di età.
Durante il calore le femmine hanno piccole perdite di sangue, quasi invisibili ad occhio umano, ed il loro miagolio non è fastidioso in quanto ha una bassa tonalità e non è insistente come in altre razze.
E’ una razza poco prolifera al massimo due o tre cuccioli ad accoppiamento ed è consigliabile far saltare alla gatta, per non stressarla, il calore successivo nel caso abbia già avuto un precedente parto.

Conoscere la razza permette all’uomo di conoscerne le necessità ed i bisogni e di trovare il compagno perfetto per il suo stile di vita.

Guarda anche:

  • Angora TurcoAngora Turco Il gatto appartenente alla razza Angora Turco é un felino solitamente di taglia piccola o media. Originario della Turchia é un felino dotato di una grande eleganza che si può ammirare nei […]
  • Collie o Pastore ScozzeseCollie o Pastore Scozzese

    Il Collie è diventato quasi un eroe popolare dopo le sue comparse in televisione, in gare per cani da pastore e in concorsi di obbedienza. Questo cane attivo e instancabile è […]

  • British ShorthairBritish Shorthair Le origini del British Shorthair vengono fatte risalire a circa 2000 anni fa, quando furono gli invasori romani a portarlo in Scozia. A poco a poco si diffuse in tutta la Bretagna e fu […]
  • BarboneBarbone Nel film della Wald Disney si chiamava “Whisky” il barboncino tutto pepe, dal mantello nero che difendeva a spada tratta la dolce Lilli dal randagio Vagabondo… una storia d’amore dolce e […]
  • SiameseSiamese Temuto da alcuni, venerato da altri, nella storia il gatto da sempre accompagna l’uomo, nelle sue varie razze è stato criticato ed apprezzato. Il siamese apparve per la prima volta in […]

Questo potrebbe interessarti: