American Paint horseL’American Paint horse è una razza di cavalli che ha origine dagli Stati Uniti, derivante da incroci tra cavalli inglesi e cavalli spagnoli, e per un lungo periodo l’associazione americana si rifiutò di inserire questo cavallo tra le razze riconosciute, perchè rappresenta un cavallo dal mantello pezzato. Successivamente l’American Paint horse venne inserito nei cataloghi delle razze e venne riconosciuto come un Quartet Horse dal mantello a macchie; esistono tre tipi di American Paint horse in base al modo in cui presentano le macchie: il tobiano, l’overo e il tovero. La prima selezione della razza venne eseguita agli inizi del sedicesimo secolo, quando gli allevatori spagnoli giunsero in America per conquistare queste terre e, secondo una leggenda le pezzature presenti sul corpo rappresentano la forma dello scudo, con il quale avrebbero dovuto proteggere il cavaliere durante le battaglie.

L’American Paint horse è un cavallo da sella, con un’altezza che può raggiungere i 163 centimetri circa ed è adatto ad ogni tipologia di attività equestre; gli arti sono molto elastici e forti e lo rendono un cavallo ben piazzato e robusto, infatti anche il torace dell’American Paint horse è profondo e ampio. La testa è ben proporzionata al resto del corpo, con il muso largo e gli occhi grandi che tendono al marrone nocciola, mentre le orecchie non sono piccole, ma di media dimensione, il collo è molro muscoloso e prestante e gli zoccoli sono arrotondati; l’American Paint horse deve essere bello esteticamente, per poter raggiungere il massimo obiettivo nella specialità a cui il cavallo sarà destinato.
Il mantello dell’American Paint horse si distingue in tre tipologie a seconda della selezione genetica che è stata adoperata, quindi si ha il tobiano che ha il corpo bianco, con macchie scure e criniera bianca come la coda; le macchie sono solitamente di forma ovale ed uniformi, presenti sul collo e sul petto a formare lo scudo di cui si parla nella leggenda. Un’altra tipologia è rappresentata dall’overo, di colore roano, con macchie bianche che cominciano a partire dal ventre e la coda di un colore unico, mentre gli occhi sono azzurri e la faccia è bianca; infine l’ultimo tipo di American Paint horse è il tovero, che deriva dall’incrocio di overo e tobiano e presenta le particolarità di entrambi i genitori.
L’American Paint horse è un cavallo dalla buona indole e ben predisposto all’addestramento, molto affidabile e con una buona intelligenza, infatti reagisce con molta prontezza ai comandi del proprio padrone e se il rapporto tra i due è consolidato, il cavallo riesce ad essere un giocherellone; è adatto a svolgere tutte le discipline sportive di monta ed è l’ideale per chi volesse imparare ad andare a cavallo, poiché è molto tranquillo. E’ di indole docile e sa interagire con le persone che lo circondano, infatti viene utilizzato anche nelle terapie e sa farsi voler bene; per quanto riguarda l’alimentazione del American Paint horse, è bene sapere che bisogna somministrare una buona dose giornaliera di vitamine al cavallo ed anche del buon fieno di “medica”, alternando anche l’uso di mangimi che contengano una buona percentuale di sali minerali; le quantità variano in base alla grandezza del cavallo.

Guarda anche:

  • British ShorthairBritish Shorthair Le origini del British Shorthair vengono fatte risalire a circa 2000 anni fa, quando furono gli invasori romani a portarlo in Scozia. A poco a poco si diffuse in tutta la Bretagna e fu […]
  • SphynxSphynx Il gatto canadese Sphynx, chiamato per comodità semplicemente Sphynx che ricorda vagamente il vocabolo inglese sfinge, è un gatto la cui caratteristica principale riguarda l’assenza totale […]
  • Flat Coated RetrieverFlat Coated Retriever Razza canina selezionata a partire dalla seconda metà dell’800, il Flat Coated Retriever divenne intorno al 1905 il cane da riporto per eccellenza. Come i suoi parenti più vicini, il […]
  • Sloughi levriero araboSloughi levriero arabo Lo Sloughi (o Levriero Arabo) è un cane di origini molto antiche ed presente nel Nord Africa da parecchi millenni. Le testimonianze più remote della razza risalgono a geroglifici e mummie […]
  • BengalaBengala Il primo tentativo di creare un Bengalese risale al 1963, quando il californiano Jean Sudgen decise di far accoppiare un comune gatto domestico con il suo gatto leopardo asiatico allo […]

Questo potrebbe interessarti: